Nuove fonti di provvista

Dalle Asset Backed Securities (ABS) alla finanza strutturata:
complessità, rischi e vantaggi per il sistema impresa.
Nuove fonti di provvista.

 

prof. Claudio Scrocca

SOMMARIO

1. Premesse. -2. Alle origini delle ABS. – 3. Tipologie di ABS. – 4. Gli intermediari di emissione di ABS. – 5. Connotazioni identificative e caratteristiche delle operazioni di finanza strutturata. – 6. La complessità della finanza strutturata. – 7. Rating e profili di rischio degli strumenti di finanza strutturata. – 7.1. Il confronto tra le diverse tranche di prodotti strutturati. – 7.2. I raffronti tra strumenti con rating analogo. – 8. Banca-ponte, società di rating, investitori. – 9. La nuova strategia delle banche e l’utilizzo inefficiente delle cartolarizzazioni. – 10. Il ritorno alle utilità delle ABS: la finanza strutturata e il vantaggio per il sistema industria.

1. Premesse

La materia della finanza strutturata è oggetto di dibattito dottrinario in relazione alla sua natura ed utilizzo, nonché ai fattori di rischio che connota questo tipo di strumento a volte oggetto di abuso e di mezzo per la veicolazione di perdite attraverso la loro “frantumazione” e redistribuzione nel mercato nazionale ed internazionale.

La finanza internazionale è anche connotata da sue formule espressive che non rendono agevole la comprensione di meccanismi tecnici complessi troppo spesso banalizzati e per questo suscettibili di essere proposti ai consumatori con modalità tali da rendere lo strumento finanziario un prodotto diverso da quello che è nella realtà.

Lo scopo della nostra trattazione è quello di rappresentare, sinteticamente, il percorso storico (limitato ai tempi più recenti) che ha condotto alla finanza strutturata; questo prendendo le mosse dai titoli che sono posti alla base di questo strumento finanziario.

2. Alle origini delle ABS

Le ABS (Asset Backed Securities) 1 sono una forma relativamente nuova di titoli diffusasi prima negli ……..  (segue)