Nascono le Macro Facoltà

Sono in corso di definizione i piani di studio e le nuove Facoltà e le “Macro Facoltà” per l’anno accademico che eccezionalmente quest’anno inizierà subito prima del Natale per concludersi con le usuali sessioni d’esame estive (2017), autunnali (2017) ed invernali (2018).

Le Macro Facoltà sono un concetto totalmente innovativo in ambito universitario perché raggrupperanno corsi di laurea che intendono formare studenti nell’ambito di una disciplina generale (macro) che si articolerà però in percorsi di settore specifici (orientamenti) in grado di fornire una conoscenza di base comune a tutti pur nella diversità e specificità degli indirizzi di settore.

Il Senato Accademico UniSanPaolo ritiene infatti che sia fondamentale orientarsi verso una specifica specializzazione ma nell’ambito di una vasta conoscenza generale: nella conoscenza e nella vita reale non si può studiare un albero se non nel contesto dell’habitat nel quale vive e si sviluppa.

Atteso che il grande demone di questo nostro terzo millennio è l’ignoranza, nella accezione latina della “non conoscenza”, è fondamentale diffondere cultura in modo positivo e più efficace.

In un momento nel quale la burocrazia cieca ed inetta tende a creare un fango paludoso che ostacola ogni iniziativa la nostra Università intende superare questi ostacoli proprio utilizzando gli strumenti della stessa burocrazia.

Oggi acquisire una cultura aperta, vasta e interdisciplinare è di fondamentale importanza in tutti i campi dello scibile umano che parallelamente vanno però approfonditi in modo specifico.

Questo viene impedito in ambito universitario da regole burocratiche obsolete e prive di senso che ad esempio vietano a Facoltà diverse di presentare esami comuni oltre un numero di fatto irrisorio.

Ma come potrebbe oggi prescindere qualsiasi facoltà ed indirizzo culturale da una formazione di base solida nei settori dell’informatica, della comunicazione, del diritto, della tutela sociale e ambientale, delle lingue, ecc.?

Questo ostacolo andrà rimosso ma UniSanPaolo invece di lottare inutilmente contro i “mulini a vento” come Don Chisciotte della Mancia crea oggi le Macro facoltà che permettono di ottenere nel migliore dei modi quella accuratamente dosata miscela di conoscenze generali e specifiche superando di fatto ogni ostacolo burocratico.

La nuova Macro Facoltà di scienze Religiose ad esempio fornirà conoscenze storiche e teologiche di base indispensabili a laureare nuovi studenti che potranno specializzarsi nella liturgia, nella teologia, nella filosofia, nell’archeologia, nell’intercomunione religiosa, nel dialogo tra civiltà e tra laici e religiosi, ecc.

Ogni specializzazione sarà personalizzata e sottoposta al giudizio del Collegio dei Docenti attraverso la scelta di un piano di studi personale e ogni singolo orientamento sarà inquadrato nell’ambito della Macro Facoltà di settore.

Tra le nuove Facoltà saranno presenti anche Biodiversità ed evoluzione un corso di studio innovativo che interesserà l’agricoltura e spazierà tra temi importanti e poco trattati come l’enologia divenuta una vera e propria scienza che offre ricadute importanti nel mondo del lavoro.

E si è anche proceduto a diversificare indirizzi culturali specifici come ad esempio nella macro facoltà di Fondamenti del Diritto Umano vengono previsti quattro percorsi dedicati a chi intende dedicarsi all’avvocatura, alla magistratura, alle consulenze in ambito privato e in ambito pubblico. Tutti orientamenti che necessitano di corsi di studi specifici sempre nel macro ambito della giurisprudenza.

UniSanPaolo sta creando, attraverso un lavoro titanico, i presupposti di un nuovo luminoso percorso per preparare nel modo più efficace studenti di ogni età alle sfide del mondo del lavoro e della quotidiana realtà.