Le pubblicazioni dei nostri docenti

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Generale
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti

Gli articoli accademici sono una parte fondamentale del percorso di ogni Ateneo. Vengono redatti dai docenti dell’Università e propongono approfondimenti interessanti su argomenti specifici. L’Università Anglo Cattolica San Paolo Apostolo inserisce in questa sezione pubblicazioni eterogenee. Essenzialmente avremo articoli che riportano il pensiero dei nostri docenti e ricercatori su argomenti di interesse accademico o generale e scientific paper cioè pubblicazioni scientifiche redatte secondo criteri oggettivi allo scopo di diffondere risultati di ricerche specifiche.

Entrambe le tipologie intendono diffondere informazioni e punti di vista del nostro corpo docente attraverso la pubblicazione online e la diffusione in rete. Questi infatti rappresentano oggi i metodi più semplici ed immediati per raggiungere vasti gruppi eterogenei. Non solo docenti e ricercatori ma anche studenti e persone di ogni provenienza ed estrazione sociale. Il compito fondamentale di ogni università è la diffusione della cultura. Una cultura positiva cioè assolutamente corretta ed utile al maggior numero di persone possibile. Se, attraverso la rete e i social, comunicare è ora semplice e alla portata di tutti farlo in modo corretto, cioè positivo, è tutta un’altra storia. I cosiddetti media, canali televisivi / radio / giornali / blog ecc., non sono frequentemente di aiuto in quanto diffondono e si occupano di una non cultura o di una cultura negativa.

I media diffondono quasi esclusivamente notizie di cronaca nera quando, invece particolarmente in questo periodo devastato dalla pandemia dovrebbe soffermarsi sulle notizie positive per dare speranza alle persone. Si tratta essenzialmente di un sistema ottuso e cialtrone un circolo vizioso dominato dalla circostanza che scavare nel torbido e divulgare notizie negative è molto più semplice. Furono i greci a rendersi conto che le tragedie sono un mezzo di comunicazione molto più semplice da gestire e di sicura presa sul pubblico, ma è inconcepibile come i media siano solo farciti di notizie tragiche e non si soffermino mai su quelle positive. La scienza sta ampliando costantemente i suoi orizzonti ed ogni giorno nuove conquiste espandono i limiti delle conoscenze della razza umana senza che nessuno ne parli. Abbiamo cominciato a muoverci nello spazio con grande difficoltà e, dopo i primi incerti passi, ora stiamo costruendo razzi riutilizzabili che al termine della missione sono in grado di atterrare ovunque addirittura da soli superando il concetto di vettore a stadi non riutilizzabile: eppure di tutto questo nessuno sa nulla perché i media non ne fanno menzione se non in piccoli articoli defilati in aree di scarso accesso e nessuna risonanza. I media sono dominati dalla negatività e dalla pubblicità ossessiva. Certo la pubblicità e i proventi indotti da essa sono forse un male necessario ma le notizie non possono solo riguardare la cronaca nera.

Esistono stili diversi per presentare le notizie: ci si può soffermare sulla tragedia di una ragazza stuprata o uccisa da criminali folli oppure, in modo positivo, si possono diffondere informazioni utili per evitare che questi episodi inaccettabili possano avvenire. Si possono scrivere approfondimenti in grado di divulgare i motivi che inducono i criminali ad agire in modo efferato, si possono aiutare le vittime della violenza domestica a superare le barriere che le incapsulano in un circolo vizioso di non speranza di uscirne. Le vittime della violenza domestica vengono convinte dal loro aguzzino che loro possiedono il controllo della situazione, che possono uscirne in qualsiasi momento e che, in definitiva è solo colpa loro la situazione nella quale si trovano. Ovviamente tutto questo non è vero è il violentatore domestico che, sottilmente, induce nella sua vittima questi falsi argomenti allo scopo di dominarla. Una corretta informazione positiva può squarciare questo velo e dare la possibilità alla vittima di chiedere ed ottenere aiuto per superare situazioni drammatiche. La vittima della violenza domestica (donna o uomo che sia) non chiede aiuto rimanendo intrappolata da una spirale perversa che la chiude in una gabbia dalla quale non riesce ad uscire. Informazioni positive possono aiutare le vittime a difendersi efficacemente mentre quelle negative, che elencano solo casi nefasti di violenza domestica, le induco a pensare che la loro condizione non abbia speranze di essere modificata e superata.

Abbiamo utilizzato questo esempio per dimostrare quanto la comunicazione negativa possa essere devastante e quanto la comunicazione positiva possa, invece, aiutare. Un grande aiuto per cambiare direzione può venire dalla pubblicità che, di fatto, paga i conti dei media. Ogni articolo è associato a contenuti pubblicitari accuratamente monitorati per valutarne l’efficacia. Se, semplicemente, evitiamo di leggere le notizie negative soffermandoci solo su quelle positive in breve tempo potremo ribaltare l’offerta dell’informazione con redattori e giornalisti che dovranno per forza adattarsi a questi nuovi indirizzi. Quindi evitiamo di dire che “non dipende da me” o “tanto sarà sempre così” e altre amenità del genere. In realtà anche la comunicazione dei media dipende da noi e possiamo cambiarne il verso con le nostre scelte.

L’Università Anglo Cattolica San Paolo Apostolo intende contribuire alla comunicazione positiva con le proprie pubblicazioni che saranno a 360° e non limitate ai tradizionali scientific paper che intrinsecamente sono solo oggettivi. La comunicazione soggettiva è anch’essa fondamentale perché la struttura in questo caso cambia. Si danno le informazioni su una specifica notizia presentando oggettivamente i fatti salienti e successivamente viene associato il proprio personale commento, che fornisce un punto di vista specifico ma sempre apprezzabile sia quando viene condiviso sia quando non ci trova d’accordo. Il punto di vista di un’altra persona ci permette di riflettere e ragionare, utilizzando la parte creativa del nostro cervello, è sempre positivo e interessante.

Per questi motivi le pubblicazioni del nostro Ateneo si articoleranno su articoli accademici a tutto campo.

Lascia un commento